DELFINA, LA 19ENNE CHE PIANGE E SUDA SANGUE. DOPO AVER TENTATO IL SUICIDIO HA TROVATO L’AMORE

VERON – Piangere e sudare sangue per colpa di un disturbo dovuto all’ansia. È la rara malattia che affligge Delfina Cedeno, una 19enne dominicana, che sanguina praticamente da ogni poro del suo corpo. La ragazza ha scoperto al sua sindrome soltanto quattro anni fa, quando durante una situazione di pesante stress iniziò a piangere sangue. Da quel giorno le crisi sono diventate sempre più ricorrenti, con la durata anche di 15 ore consecutive, casi in cui Delfina ha bisogno di una trasfusione per non restarci secca. Secondo i medici che l’hanno visitata, il disturbo è provocato dalla fragilità dei suoi vasi sanguigni, che nei momenti di maggiore stress si rompono con facilità, facendo uscire il sangue da dove uscirebbero lacrime e sudore.

20131206_cedeno-delfina

 

IL CALVARIO All’inizio nessuno credeva a Delfina, che al Daily Mail ha confessato: “Soltanto quando ho iniziato a sanguinare davanti ad un dottore la mia famiglia mi ha creduto”. Ma la situazione in cui si trova la 19enne non è per niente facile, tanto che una volta ha anche provato a suicidarsi con un’overdose di sedativi. Per fortuna il tentativo non è andato a buon fine, se così si può definire. I medici dell’ospedale di Veron, nella Repubblica Dominicana, riuscirono a salvarla da una morte certa: “Quando mi hanno trovato – racconta Delfina – avevo la schiuma alla bocca ed ero tecnicamente deceduta”.

UN NUOVO INIZIO Proprio il sopravvivere al tentato suicidio portò una svolta positiva nella vita di Delfina. Infatti un ragazzo, Recaris Avila, leggendo la storia della 19enne, ne rimase talmente affascinato da volerla conoscere. “Mi disse che ero bella – continua la ragazza – Non dimenticherò mai quel giorno”. Adesso i due sono ancora fidanzati e lottano insieme contro la malattia di Delfina. Al momento i medici non hanno trovato una cura, ma con alcuni farmaci hanno scoperto un modo per rallentare le fuoriuscite di sangue, rendendolo meno frequenti e dolorose.

FONTE.LEGGO.IT

Lascia un commento